Cambogia...una nuova sfida per la costruzione di due scuole!

io non so leggere e i miei genitori non sanno leggere, ma voglio che i miei figli abbiano la possibilità di imparare”.

Children in Crisis Italy ha avviato una collaborazione con la ONG locale KHEN (www.khencambodia.org), che lavora nelle zone rurali remote per migliorare le condizioni di vita e le prospettive dei giovani, per la costruzione di due scuole in Cambogia, nel distretto di Ruhkak Kiri, nella provincia di Battambang, sul confine con la Thailandia. Le due scuole, che sorgeranno nei villaggi di Trochheak Chet e di Thnam, saranno composte da tre aule, pavimento in cemento, pareti in legno, una infrastruttura portante in acciaio, tetto in alluminio e servizi igienici separati tra maschi e femmine e daranno ospitalità ad un centinaio di bambini tra i 4 e i 6 anni.I lavori di costruzione, sotto il monitoraggio costante degli operatori Khen, avranno inizio ad ottobre per terminare circa 4 mesi dopo con una grande inaugurazione con le autorità locali, la comunità e gli alunni. 

La Cambogia è il paese del sud-est asiatico col più basso livello di istruzione scolastica ed ha dovuto ripartire praticamente da zero nella ricostruzione del suo sistema educativo.E’ una nazione agricola e nelle campagne vive la maggior parte del terzo della popolazione al di sotto dei 15 anni. Quanto piú le zone sono rurali e remote tanto più sono malamente attrezzate e la scarsità di strutture locali preclude la frequentazione scolastica ai bambini che devono lavorare nei campi,  anche quando solo part-time, e che non riescono a raggiungere le scuole statali perché troppo lontane. Purtroppo i dati del governo riguardo la frequentazione scolastica, il livello di alfabetizzazione e la percentuale di completamento degli 11 anni di scuola dell’obbligo, sono a dir poco inaffidabili e la maggior parte degli insegnanti ha un livello di istruzione limitato alla scuola secondaria.  Gli esigui salari e il basso grado di considerazione della professione di insegnante, fanno sì che per la maggior parte sia un semplice impiego invece di essere una vocazione o qualcosa che si desidera fare con passione.

Il Ruhkak Kiri è un distretto della provincia di Battambang, sul confine con la Tailandia.  Un tempo zona ricoperta da una fitta foresta, è ora luogo di immigrazione da parte delle famiglie più povere che provengono da altre province.  È stata il rifugio e ultimo arroccamento dei Khmer Rouge e di Pol Pot, che vi arretrarono quando furono respinti fuori da Phnon Penh, per questo motivo in questa zona sono ancora presenti le mine antiuomo ed altri ordigni inesplosi.I villaggi ancora senza scuola sono in zone piuttosto remote, raggiungibili solo col trattore o in moto; persino i fuoristrada fanno fatica a passare. Le autorità locali non hanno i fondi per costruire scuole comunitarie e il governo centrale non fornisce supporto perché poco interessato a sostenere popolazioni che non lo votano. A Thnam vivono attualmente 43 bambini e a Trochheak Chet 35/40, di età tra i quattro e i sei anni.   La scuola piú vicina è a 4 km da Thnam e 6 km da Trochheak Chet, troppo lontano per questi bambini.

KHEN è una ONG locale finanziata da donatori privati che nel corso degli ultimi cinque anni ha costruito diverse scuole comunitarie che si sono poi rivelate dei catalizzatori per lo sviluppo dell’intera comunità. Durante gli incontri iniziali con la gente dei villaggi per capire come poterli aiutare, la richiesta di strutture per l’istruzione è una delle più comuni. Dopo aver definito la necessità di una scuola e la zona di costruzione e dopo aver ottenuto un sostegno finanziario, vengono organizzati degli incontri con tutta la comunità per decidere il loro contributo al progetto e come la scuola dovrà essere costruita. Viene creato tra gli abitanti locali un Comitato di supporto alla scuola, e una persona dello staff di KHEN partecipa ai suoi incontri per dare guida e consiglio durante le delibere. Al tempo stesso, vengono consultate le autorità locali e il dipartimento provinciale di istruzione per ottenere lo stato di riconoscimento della nuova scuola, che impegna le autorità a fornire una parte dei materiali didattici e i salari degli insegnanti. In collaborazione con la comunità, viene selezionato un carpentiere qualificato per supervisionare i lavori di costruzione e vengono presi accordi con i capi villaggio per il lavoro volontario offerto dalla comunità. Durante i lavori, lo staff di KHEN e due consulenti esterni (Mark Mckeown e Ratana Rong, esperto in edilizia) fanno visita al cantiere regolarmente per monitorare la qualità dei lavori, affrontare eventuali problematiche e incoraggiare la partecipazione della comunità.

Lo staff di KHEN proviene principalmente dalle comunità stesse, operando inizialmente come volontari e stagisti per poi essere assunti dopo circa un anno. Con questo sistema, l’organizzazione si assicura di essere costantemente in contatto con le comunità che sostiene oltre ad offrire opportunità di lavoro ai giovani.


RIMANI INFORMATO VIA MAIL
Email *
Nome *
Cognome *
*campo obbligatorio